Napoli, ecco Gattuso: “Adesso servono i risultati”

Francesco Raiola

NAPOLI Ore 18. È ufficiale: Gennaro Gattuso è il nuovo allenatore del Napoli. Sala stampa gremita per la presentazione del tecnico calabrese, ex Milan, con la presenza del Presidente Aurelio De Laurentiis.

Parola subito al patron che saluta Ancelotti:”Carlo è un amico e il nostro rapporto di amicizia va oltre. Con grande senso di responsabilità ho deciso che il rapporto andava interrotto anche per non rovinare il suo straordinario palmares. Tutti possono decidere di interrompere relazioni, oggi è il momento di andare avanti e di farlo con “Ringhio Star” , che non ha bisogno di presentazioni”. Nessuna domanda accettata dalla stampa sull’esonero di Ancelotti da parte del Napoli.
Gattuso è apparso carico e motivato sulla prossima sfida:”Ho scelto senza esitazione Napoli. È una grande società, al top in Italia e in Europa. Ho incontrato il presidente per la prima volta domenica  alla  Filmauro. Ha la qualità dei giocatori che vanno benissimo per il mio gioco”.  Su Ancelotti:” Abbiamo parlato e mi ha detto tantissime cose, che preferisco tenere per me. Sono stati due giorni difficili per me perché sapevo di dovermi chiarire con lui, perché è stato come un padre per me. Non gli ho tramato alle spalle. Mi ha detto come si può migliorare questa squadra, si è confermato un grande uomo. Non fate paragoni con lui, perché ha vinto tanto, spero di vincere il 10% che ha vinto lui in carriera”. Sugli obbiettivi stagionali:” Il Napoli deve tornare nella posizione che gli spetta. Raggiungere le posizioni di qualificazioni in Champions League è un obiettivo alla portata. Il Napoli non può stare fuori dall’Europa. Ci rialzeremo, testa bassa e pedalare e ricominciare a vincere subito con le partite prima della sosta. Dobbiamo recuperare e abbiamo l’obbligo di comandare le partite. So quello che posso dare, squadra e società devono aiutarmi e io devo aiutare loro”.
Obiettivo recuperare la fiducia del pubblico:”Per farlo bisogna fare risultati importanti e prestazioni, oltre a sensi di appartenenza, recuperando punti sperando di farlo col bel gioco”. Gattuso dà dettagli anche sul contratto:”Conta poco il contratto per gli allenatori. Il nostro mestiere è legato al risultato, al Napoli sarei venuto anche con contratto di soli 6 mesi. Non potevo scegliere di meglio, ho rifiutato altre squadre per il Napoli: mi ha impressionato molto la struttura di Castelvolturno da fare invidia ad altre squadre europee”. Sul modulo:” Posso giocare col 4-3-3 con questi giocatori, ho in mente già come giocare contro il Parma”. Su cosa non va di questa squadra:”Quando le cose non vanno bene, si cercano sempre alibi. Ora dobbiamo pensare solo a migliorarci, su come tenere il campo e su come palleggiare, perché questa squadra può palleggiare alla grande. C’è grande voglia di rivalsa. Ho sensazioni buone”. Sulla piazza di Napoli:”So in che posto sono arrivato, sono uno che ama il mare, ora sono arrivato in un mare grande e devi stare attento altrimenti annego. Chi mi conosce sa bene che non ho paura di nulla. Ho la consapevolezza di avere grande professionalità di un grande staff con me. Da uomo del Sud, sono orgoglioso di essere a Napoli”. Sul mercato e su Ibrahimovic glissa:” Oggi parlo solo di chi c’è, del mio organico. Dopo farò le mie valutazioni. Non bisogna mancare di rispetto ai miei giocatori. Del mercato parlate con De Laurentiis e Giuntoli”. Sulle dichiarazioni estive di Ancelotti sullo scudetto:”La percezione del Napoli che c’è all’estero è più importante di quella che c’è in Italia. Ci sono giocatori che hanno grande mercato, che una grande società ha trattenuto. La mia considerazione per questa rosa è altissima”. Importante recuperare il rapporto con il pubblico del San Paolo:”Dobbiamo essere bravi noi a riportare entusiasmo in città, con i risultati e le prestazioni. Sono venuto in una grandissima società, con un grandissimo Presidente”. Sulle differenze di modulo con Ancelotti:”Qualche cambio di posizioni ci sarà, vi dico subito che a me non piace giocare con due linee da quattro. Al momento non faremo test fisico-atletici perché sabato c’è il Parma. Lo staff di Carlo ha una metodologia non troppo diversa dalla nostra, ma qualcosa cambierà. Valuteremo settimana prossima”.
Parlerà adesso il campo. L’esordio di Gattuso a Fuorigrotta è fissato per sabato alle 18 quando al San Paolo il suo Napoli affronterà il Parma.
}