Serie A. Torino corsaro a Marassi, Genoa nei guai: l’Atalanta passa a Brescia

Il derby tra Brescia e Atalanta, aperto con i disordini nel pre partita tra due gruppi del tifo organizzato casalingo, sorride a Gasperini. Una doppietta di Pasalic e la rete di Ilicic permettono ai bergamaschi di trionfare 3-0 sul campo del Brescia di Grosso, sempre più in bilico e ultimo in classifica con sette punti. Lo show di Pasalic inizia al 26’ con un colpo di testa vincente su cross dalla destra di Castagne. La prima occasione nitida del Brescia si registra al 55’: Balotelli si libera per calciare ma il suo tiro a botta sicura si stampa sulla traversa. E al 61’ Pasalic raddoppia: Ilicic crossa in area e l’ex Milan batte Joronen con un colpo di tacco. La reazione della squadra di Grosso non c’è ed è l’Atalanta a sfiorare il terzo gol del match in due occasioni. Prima è Malinovskyi a provarci dalla distanza al 68’ colpendo il palo interno, poi è il turno di Ilicic autore di una conclusione debole tra le braccia di Joronen da posizione favorevole. Ma nel finale lo sloveno riesce a togliersi la soddisfazione del 3-0: Ilicic ruba palla e vola verso la porta prima di battere Joronen a tu per tu.

Il Torino, in versione “corsaro”, espugna il “Ferraris”, battendo il Genoa per 1-0. Gara decisa da Bremer, con un colpo di testa vincente al 32′ della ripresa. Granata orfani di Belotti (in tribuna, perchè acciaccato); sfortunati i liguri, che colpiscono due legni sullo 0-0, prima con Agudelo e poi con Favilli.
Pochissime emozioni nel corso del primo tempo, con i portieri mai chiamati in causa: il Torino non dà modo al Genoa di gestire il possesso palla e costringe spesso gli avversari a gravi errori in impostazione, pur accusando non poco l’assenza del capitano in avanti. L’unica palla-gol per i granata nella prima frazione arriva al 30′ con l’azione confezionata dai due ex Izzo e Ansaldi; poi nella ripresa i padroni di casa provano a scuotersi. In poco più di un minuto in apertura di secondo tempo gli uomini di Motta colpiscono la traversa con Agudelo e il palo con Favilli ma non riescono a sbloccare il punteggio. La beffa per i padroni di casa arriva poi al 77′ con il colpo di testa vincente di Bremer che regala tre punti importanti al Torino. Nonostante i cambi offensivi di Motta il Genoa non riesce a impensierire gli avversari negli ultimi scampoli di match e incassa la seconda sconfitta interna consecutiva.

 

}