Azzurri verso la Grecia. Immobile: “Ferita mondiale. Un debito da saldare”

 

La testa alla Grecia, lo sguardo al passato verso la mancata qualificazione a Russia 2018. Ciro Immobile non dimentica.

“So che ho un debito da saldare con l’Italia e spero di farlo sia nelle prossime partite che soprattutto all’Europeo. So che non andare al Mondiale non è stata solo colpa mia, ma mi mancava fare quel passo in avanti con questa maglia. Ho segnato tanti gol in A e in Europa, ma voglio fare qualche record anche qui con la Nazionale. La mancata qualificazione dell’Italia al Mondiale è una ferita – ha aggiunto Ciro Immobile -. Quell’anno segnavo in ogni stadio, ero il capocannoniere ma non ero felice. Anche dopo ho sofferto e questo mi ha penalizzato un po’ perché venivo qui in Nazionale e volevo strafare. Voglio ringraziare mister Mancini perché mi ha aspettato, so che ho sbagliato qualche partita, ma il gol contro la Finlandia per me è stata una liberazione”. Azzurri sabato in campo con la maglia verde. “E’ particolare, il nostro colore è l’azzurro ma non è detto che non si possa cambiare. E’ una terza maglia come nei club, saremo orgogliosi di indossarla e speriamo di raggiungere lo stesso risultato ottenuto nel ’54 dall’Italia che, con la maglia verde, superò 2-0 l’Argentina”.

}