Serie B. Crolla l’Ascoli, Empoli in vetta

Maurizio Spreghini

Si spegne l’Ascoli a Cremona, sconfitta di misura cede la vetta all’Empoli. A rincorrere ora c’è la Salernitana, un punto di  distacco, mentre a due c’è Benevento e lo stesso Ascoli. Tonfo Pescara all’Adriatico, il Crotone esce con tre gol all’attivo. Impresa Trapani che all’Alberto Picco si sbarazza dello Spezia, ora a guardare tutti dal basso c’è il solo lo Juve Stabia che in casa cede il passo al Cittadella.

Torna con un nulla di fatto l’Ascoli dallo Zini di Cremona, basta Soddimo a fermare momentaneamente i sogni di gloria dei marchigiani. L’Empoli si sbarazza con un secco tre a zero della concorrente Perugia e trova, in virtù dei risultati delle dirette concorrenti, la vetta in solitaria. Al Castellani a chiudere la pratica ci pensano ancora una volta Mancuso, due gol per lui, e Frattesi. Al Picchi di Livorno è scoppiettante la gara, un festival del gol che si conclude a favore della Salernitana solo in pieno recupero. Due volte in svantaggio la Salernitana, Marsusa e Raicevic,  riacciuffa il pari prima con Migliorini e un autogol di Di Gennaro. Solo in pieno recupero Djuric compie l’inaspettato sorpasso, che vale alla Salernitana la seconda posizione. Benevento e Entella non si fanno del male, Kragl apre e Sernicola la pareggia, per loro rimane a vista il podio. All’Adriatico è la rivincita degli ex Stroppa e Benali, secco il tre a zero delCrotone su di un Pescaramai in gara. Benali ne fa due a cavallo dei due tempi, Crociata nei minuti finali da i tre punti a mister Stroppa. La sorpresa di questa giornata arriva dal Picco di la Spezia, un quattro a due che regala al Trapani una vera  e propria boccata d’ossigeno.  Nzola e Luperini staccano lo Spezia, la squadra ligure vacilla ma con  Ragusa dimezza momentaneamente le distanze, poi è Pettinari con una doppietta a portare a tre i gol di vantaggio per i siciliani. Bartolomei riaccende le speranze, ma del forcing finale rimangono solo i tre punti storici del Trapani nella serie cadetta. Chievo e Pordenone si dividono supremazia e posta in palio. Il Pordenone domina nel primo tempo e con Strizzolo va aventi, il Chievo non ci sta e si fa sotto con Djordjevic che trova il pari. Al Romeo Menti il Cittadella ringrazia e alla fine dei novanta di gioco porta a casa i tre punti, lo Juve Stabia è punita dalla rete di Diaw ed è sempre più ultima. Venezia e Pisa fanno uno a uno al Penzo, vanno avanti gli ospiti con Lisi ma ci pensa Midolo a riagguantare il pari. E’ pari anche tra Frosinone e Cosenza, Ciano su rigore apre per i ciociari ma Carretta in avvio di ripresa rimette tutto in discussione.

}